Cemento memorabile in un sentiero didattico

A Morbio Inferiore un percorso didattico nei luoghi storici dove la Saceba produceva il cemento svizzero.

Nel Diaporama la testimonianza di Werner Hassler, ex direttore tecnico della Saceba, intervistato da Cristina Foglia, spiega le fasi di produzione del cemento (Rete Due, Blu come un’arancia, 04.11.2009)

Il 4 maggio 2012 è stato inaugurato sul territoro di Morbio Inferiore il Percorso del cemento nel Parco delle Gole della Breggia, il più piccolo parco naturalistico della Svizzera. Non c’è alcun dubbio: la zona è stata valorizzata, nella sua parte naturalistica, con la creazione del Parco della Breggia, ma la storia del cemento resterà all’interno del parco, con strutture e testimonianze. È il cosiddetto “percorso del cemento”, un parco tematico con parte delle strutture recuperate e trasformate in strumenti didattici per far conoscere ai visitatori una fetta di storia del territorio. Un percorso di archeologia industriale, quello del cemento, che si sovrappone alle più antiche tracce della civiltà contadina della Valle dei Mulini, non poi così remota.
La pianificazione dell’iniziativa, durata sette anni, è avvenuta con il contributo degli esperti della Sezione dello Sviluppo territoriale del Dipartimento del territorio del Canton Ticino, del Parco e di Holcim.

La storia del cementificio
Nel 2003, Holcim Svizzera chiudeva per ragioni aziendali il cementificio di Morbio Inferiore. Lo stabilimento nelle suggestive Gole della Breggia aveva rifornito di cemento il Canton Ticino già dal 1963.
L’estrazione della materia prima avveniva prevalentemente nella cava di biancone e dal
sottosuolo tramite un sistema di gallerie che si sviluppava per 4.5 km.
I visitatori del percorso didattico sono testimoni di una rivalorizzazione del territorio intorno all’ex cementificio. Lungo il percorso possono ammirare la dismessa cava sotterranea, il frantoio e la torre del forno, e si faranno un’idea di come il materiale lavorato (biancone) si trasformava in cemento.

Leave a Reply